tempo di sognare

"I giovani sono solo più intelligenti" (e più sani, più veloci e più atletici). Messaggistica unificata, più bugie che abbiamo detto sull'invecchiamento ...

"I giovani sono solo più intelligenti." Questo da Mark Zuckerberg nel 2007, AGES fa. All'epoca aveva 24 anni.

Che PAP.

Questo è lo stesso Mark Zuckerberg che ci ha venduto tutti lungo il fiume su Facebook (Cambridge Analytica, tra gli altri), ha permesso ai russi e ad altri di manipolare la sua piattaforma di social media e ha negato con veemenza che Facebook fosse un punto di informazione.

Amico, quello è un bambino stupido, stupido. Errori da principianti che costano moltissimo a tutti noi utenti di Facebook. Ci sta ancora costando, così come la sua arroganza. Non ha attività su quella piattaforma senza che qualcuno sia più saggio a bordo a chiamarlo per i suoi assunti ingenui e disinformati. Questo è ciò che accade quando adoriamo i giovani. Ma hey, sono solo io. Potresti fare una discussione molto legittima sul fatto che ci sono molti vecchi malvagi geezers che ci stanno facendo un danno terribile. Sembra che la stupidità e l'avidità non abbiano un limite di età né più giovane né più vecchio. Tuttavia, per dire che i giovani sono intrinsecamente più intelligenti?

Mi chiedo quanto sia stato intelligente Zuckerberg quando è stato pubblicamente remato al Congresso di recente? Sospetto che la sua arroganza fosse ancora saldamente a posto. Almeno fino a quando non si gode una massiccia caduta dalla grazia.

Non c'è dubbio che questo ragazzo sia brillante in alcune aree. Ma in quel pezzo critico chiamato buon senso, no. La maggior parte di noi ha quasi un briciolo di quello sui vent'anni (va bene, va bene, un sacco di gente sulla sessantina non lo è, ma sto divagando). La natura ci ha fatto così. Mentre accumuliamo anni, l'idea, almeno in teoria, è che accumuliamo anche saggezza e un briciolo di intelligenza.

La natura ci ha reso abbastanza stupidi che se ingoiamo una doppia manciata di capsule di marea (era un tempo biglie, ma ci siamo evoluti) o decidiamo di saltare da un edificio a quattro piani perché un videogioco o un film mostra Batman che lo sta facendo, ci rimuoveremo dal pool genico. Peccato che alcuni membri dell'Amministrazione siano passati attraverso quel particolare setaccio per evitare il resto di noi.

Circa due anni fa sulla copertina di Elle Magazine, a cui ero solito iscrivermi (fino a quel momento, per così dire) presentavano un twit di 17 anni che affermava in quell'immensamente compiaciuta soddisfazione di estrema gioventù, "Tu sei il PIÙ interessante a 17. "

Oh, imbavagliami con un cucchiaio.

di Nathan Dumlao su Unsplash

Ruth Bader Ginsberg è stata descritta nello stesso numero. Piuttosto che leggere le vapide cazzate di un bambino immensamente viziato, ero molto più interessato a una donna compiuta e venerabile. Ginsberg è stupendo?

Diavolo, no.

Ma i suoi cervelli lo sono. E questo è il punto. Che tu sia d'accordo o meno con il suo POV, è brillante. Come molti altri che arrivano a un'età avanzata, hanno avventurosi, leggono in modo esteso e pensano.

Si allena anche regolarmente, così come il mio mentore di lunga data Meg Hansson, che è morto diversi anni fa a 93 anni. Come Ginsberg, Hansson è stato minuscolo, brillante, coinvolgente, divertente e completamente impegnato fino al giorno della sua morte. Con chi preferirei pranzare: un diciassettenne egocentrico e arrogante, Hansson o Ginsberg?

Ecco il pezzo: ci sono, naturalmente, i sapienti che escono dall'utero preconfezionati come semplicemente straordinari. Tuttavia la maggior parte di noi non ha il buon senso di non entrare in un mucchio di merda di cane nel cortile (supponendo che ne abbiamo uno in questi giorni) fino a quando non siamo diventati un po 'più grandi. Ad ogni decennio successivo, a seconda di come scegliamo di vivere la nostra vita, abbiamo l'opportunità di accumulare saggezza e gravitas. Non tutti con qualsiasi misura. Persone come mio padre e mio fratello che sono diventati alcol e / o tossicodipendenti molto giovani smettono di svilupparsi emotivamente il giorno in cui aprono la prima pillola. Continuano a invecchiare, ma il muscolo emotivo che ha il potenziale per acquisire, usare e sviluppare atrofie della saggezza.

Chattanooga Times Free Press

Questo è vero anche per il nostro io fisico. Peyton Manning aveva 39 anni quando vinse il Super Bowl 50. Ecco un elenco molto significativo https://www.si.com/nfl/2016/02/07/super-bowl-oldest-quarterbacks-list-john-elway-peyton- Manning. Tom Brady non è un pollo di primavera, se si considera che la maggior parte degli atleti della NFL ha poco più di vent'anni. Le Williams Sisters (36 e 38) suoneranno proprio questo fine settimana negli US Open. Uno sport per adolescenti? Yah. Vai a giocare a Serena. Guarda come funziona per te. Brady infilerà un elmetto sul suo noggin di 41 anni in questa stagione. Sempre di più, il modo in cui gestiamo la nostra salute e i nostri corpi mentre invecchiamo può tradursi in prestazioni straordinarie, semplicemente perché abbiamo iniziato a comprendere i nostri limiti e come aggirarli. Questo non è limitato ai migliori atleti.

Questo è ciò che intendo.

Quando ho fatto un'escursione a Kilimanjaro a 60 anni, cinque novembre fa, le persone che scesero dalla montagna su una barella erano giovani ventenni. Geezers capisce l'asta polare, Swahili per Slow, slow. Comprendiamo l'equilibrio e ciò che dobbiamo conservare per un lungo raggio. Come molte donne, a 65 anni sto solo facendo i miei passi, e anche se non c'è molta primavera come c'era nella mia adolescenza e ventenne, posso andare molto, molto più a lungo. Ho imparato a farlo per la distanza, le possibilità che sono semplicemente troppo stupide da sopportare e ciò che il mio corpo può e non può fare. Ciò non avviene senza un lavoro dedicato, allo stesso modo in cui i nostri intelletti non si sviluppano senza sfide, lettura quotidiana e volontà di lasciar andare il nostro prezioso POV.

Foto di deposito

In un articolo uscito oggi su Outside Online, lo scrittore Brad Stuhlberg cita i cosiddetti "atleti anziani" - molti dei quali hanno solo quarant'anni, scusatemi - che parlano dell'esperienza e della saggezza fondamentale che derivano da ripetuti fallimenti. https://www.outsideonline.com/2339366/benefits-getting-older-health-fitness-aging?utm_medium=email&utm_campaign=WYM-08302018&utm_content=WYM-0830201sutut20202052310c_m11m20_m11mc=11209115 che sono sopravvissuti fino ai nostri anni sessanta e oltre hanno molto da dire al riguardo. Non solo queste lezioni di vita forniscono la tanto necessaria Universale due a quattro alla parte della testa che mitiga l'inferno-piegato-per-cuoio, noi-governiamo-il-mondo dei nostri ragazzi e ventenni, il semplice fatto dell'invecchiamento mitiga un certo livello di assunzione di rischi.

Um. Bene. Per alcuni di noi lo fa. Con l'età ho assunto molti più rischi. La differenza nel paracadutista che sono oggi, ad esempio, a differenza di quella sui vent'anni, è che ormai ho perso il mio principale alcune volte. Questo mi ha insegnato che ero un cetriolo molto figo in quella che avrebbe potuto essere una situazione mortale se fossi stato preso dal panico. Mi ha anche insegnato a fidarmi di sapere cosa fare in quel tipo di emergenza fai-da-te-muori. Quella lezione si è diffusa in altre mille situazioni che ho affrontato.

Per quei giovani abbastanza giovani da non aver mai avuto esperienze simili, in cima a una montagna o in una maratona, il fallimento non sembra un'esperienza di insegnamento immediata. Questo è esattamente ciò che li prepara per i fiaschi (che è ovviamente il punto centrale), e perché possono precipitarsi a capofitto in estremità aspettandosi di uscire incolumi. Non impari cautela quando tutto ciò che fai è avere successo. Non impari mai a guardare i sonagli su un sentiero delle Montagne Rocciose finché non senti il ​​battito dei loro denti sugli stivali. Avendo avuto due stupendi e semplicemente spettacolari cadute di cavalli nel 2017 che mi hanno portato fuori per quasi un anno intero, ho investito in uno di quei superbi giubbotti da equitazione che mi aiuteranno a salvarmi la schiena se dovesse succedere di nuovo. Senti, se un cavallo mi morde l'orecchio, il giubbotto non aiuta. Oltretutto. Ho ancora i miei organi interni e questo renderà l'acquisto di orecchini molto più economico.

L'età insegna, se collaboriamo con essa, e se abbracciamo le nostre esperienze (buone cattive brutte e decisamente terribili) con gioia. Man mano che invecchiano i nostri corpi, e piaccia o no per Dio, ciò che ci insegnano è tutto un altro livello di padronanza. Ed è qui che è un dono essere vecchi. Ehm, vecchio (er).

Foto di Blake Cheek su Unsplash

Come sottolinea Stuhlberg, a seconda dello sport (come i triathalon e l'alpinismo) alcune attività migliorano con l'età e l'esperienza. Possiamo diventare molto più saggi mentre studiamo, spingiamo, feriamo, correggiamo ed educiamo noi stessi sui nostri errori, le nostre competenze e impariamo a vedere ciò che potrebbe non essere stato ovvio per noi nei nostri anni dell'adolescenza e degli anni venti. L'età e l'esperienza ci insegnano come guardare, come ascoltare e come dire la differenza fondamentale tra ow, che è un duro lavoro e OW CHE È UN INFORTUNIO ORA.

Due giorni fa stavo percorrendo 3600 scale con un pacco da 20 libbre in preparazione per il Monte. Kenya questo novembre. Le mie cosce bruciavano, in quel modo che facevano sempre durante il vento della bici da strada che correva lungo la Nepean Highway a Melbourne, in Australia, da una luce all'altra. All'epoca avevo trent'anni. Per alcuni, questo sta già toccando il bordo esterno di "old-dom". Quando lo sento, so che sto costruendo muscoli. Non è fatica. Questo è il modo in cui il mio corpo comunica che si sta allenando, a parte il respiro affannoso e la trama del mio viaggio verso casa il più vicino possibile a un negozio di ciambelle.

Dal pezzo di Stuhlberg, e questo è il mio preferito: è abbastanza comune per i corridori e i triatleti salire in lontananza mentre invecchiano. Questo ha senso. Una maratona richiede molta più saggezza di una 5K e un Ironman richiede molta più saggezza di un triathlon sprint. Uno studio del 2013 pubblicato su The Journal of Strength and Conditioning Research ha rilevato che l'età media per un corridore ultra per la prima volta è di 37 anni e l'età media di tutti i finisher ultramarathon è di 43 - sette anni in più rispetto all'età media di tutti i finisher della maratona stesso anno.

Soprattutto al mattino presto, quando aumento il mio regime di allenamento, continuo a incontrare sempre più persone che, come me, stanno facendo i loro passi più lunghi mentre i loro capelli diventano nevosi come le montagne che prevediamo di scalare. Quei capelli che rimangono, cioè. Tim e Katherine, fino a quando non sono partiti per l'Europa, hanno allenato le scale proprio come me. Come un orologio. Sono sulle Alpi Svizzere che percorrono 103 miglia, facendo 33.000 piedi di dislivello per diverse settimane. Questi due avevano settant'anni. Non ho nemmeno guardato vicino ai cinquanta finché non ti sei avvicinato molto di più. Questo è ciò che intendo.

Naturalmente c'è solo un problema. Potremmo aumentare le nostre prestazioni in molti modi man mano che invecchiamo. L'unico vero problema che ho è che sono abbastanza grande da dimenticare regolarmente dove metto le maledette scarpe da corsa e riesco a malapena a vedere dove sto andando in primo luogo. Sono più probabile che muoia con un camion delle consegne al mattino presto che sto saltando fuori da un aereo.

Ad ogni modo, mi muoverò ancora piuttosto velocemente.